I MAORI

La Polinesia vista dall'elicottero

La Polinesia vista dall'elicottero

Piccola imbarcazione polinesiana

Piccola imbarcazione polinesiana

Arte Maori: polena di una piroga

Arte Maori: polena di una piroga

 

I MAORI - CODICE ISPIRAZIONE DI VIAGGIO: ST4PFS937

Il popolo Maori è conosciuto in tutto il mondo grazie al rugby e agli All Blacks, ma non sono solo caratterizzati dalla loro danza haka, i Maori sono ancora più interessanti!

 

Questa popolazione prima risiedeva nei paesi asiatici, ma a causa di conquiste e di continue guerre che venivano dichiarate dai popoli nemici, sono stati costretti a spingersi sempre più vicini al mare, al punto di sfidare l'oceano e arrivare nella Polinesia Francese. Infatti le prime tracce di popolazione su quelle terre, sono proprio le loro.

 

I Maori, grazie a piccole imbarcazioni di cui dispo nevano, nessuna conoscenza nautica e nessuna bussola, riuscirono a sfidare il mare in tempesta ed arrivare in Polinesia. 

 

Essi navigarono semplicemente grazie alla propria esperienza sull'osservazione delle stelle, del sole, della luna, delle correnti marine, degli uccelli e dei venti.

Gli unici aiuti "strumentali" vennero dai "mattang", delle carte nautiche dove le correnti venivano rappresentate con bastoncini di bambù e le isole con conchiglie e dal maiale che con il suo fine odorato sentiva la "terra" molto prima di essere avvistata. 

 

Quello che c'incuriosisce dei Maori sono i loro tatuaggi, che in poche parole, raccontano la storia della vita: dall'appartenza ad un determinato ceto sociale, il segno del passaggio dall'adolescenza all'età adulta, dalle imprese di caccia oppure per evidenziare ancora di più i muscoli e impaurire l'avversario.

Insomma era il loro biglietto da visita disegnato sul corpo!

 

Anche le donne dovevano tatuarsi! Una donna senza nessun tatuaggio attorno alle labbra, non veniva considerata attraente.

 

La popolazione Maori esiste a tutt'oggi, preferiscono non integrarsi totalmente con le nuove culture e lo Stato indipendente della Nuova Zelanda, protegge questo popolo e la loro cultura dopo anni di abusi subiti.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK